lunedì 2 marzo 2015

Alena Seredova: "Serena e felice per i miei figli"

Sorridente e in splendida forma. Alena Seredova è sbarcata a Milano per un intenso weekend di appuntamenti modaioli tra sfilate, feste, presentazioni ed eventi. Tutti la vogliono come guest star e lei si concede con grande semplicità, sfoderando classe e raffinatezza. “Se sono in gran forma dovete dirlo voi”sfoggiando un fisico al top, con un look sobrio, ma elegante.


“Non potevo mancare agli appuntamenti milanesi. Da Cruciani sono di casa: io e Karolina Bartova ci conosciamo da quando ero in fasce, praticamente siamo amiche da sempre...” spiega Alena. La ex del portiere della Juve ha lasciato Torino per partecipare alla Milano Fashion Week, ma evita pettegolezzi e chiacchiere. Del resto ha “gestito” con stile la separazione da Gigi Buffon e i gossip che la circondavano. “Avevo già visto altre storie come la mia sui giornali e volevo evitare...” dice. E' una donna sicura di sé, che sa quello che vuole.
Ma il dopo-Buffon per Alena significa una nuova vita? “Ancora vado con i piedi di piombo...” spiega.

Sorridente e decisa, calca la scena tra i flash. Ma quando le chiediamo se è serena, precisa: “Devo essere serena. Ho due ragioni serie per le quali ha senso dirlo, per le quali ha senso sforzarsi di essere serena e felice”. Le due ragioni sono i figli avuti da Buffon, Louis Thomas e David Lee. Quando parla di loro si illumina: “Sono dell'idea che i bambini debbano avere delle regole, perché è una cosa che li aiuta. Un bambino che ha la certezza che deve mangiare determinate cose, che deve andare a letto a una certa ora... Sono abitudini banali, ma che creano una certezza, la certezza che dà la serenità”, dice la modella ceca.

Del suo ruolo di mamma è soddisfatta e ne va fiera: “Sembra che la mia “ricetta” funzioni. Ho due bambini sereni, sempre sorridenti, bravi a scuola, bravi a fare tutto ciò che fanno”. Solo una cosa gli rimprovera mamma Alena: “Vorrei che fossero più baciosi. Vorrei che si facessero sbaciucchiare di più. Ma anche io, del resto, quando ero piccola, ero così. Hanno ereditato anche questo...”.
Posta un commento